Login

 

 

 

Home

Benvenuto nel sito della CISL Scuola Cl

Pubblicazione graduatoria permanente provvisoria 24 mesi a.s. 2019/20

L'Ufficio Scolastico Provinciale di Caltanissetta ha pubblicato in data odierna la graduatoria provvisoria del personale Ata.

Eventuali ricorsi vanno spediti All'Ufficio Scolastico Provinciale entro 10 giorni a partire da oggi 30/05/2019

 

Gissi: ingiusta e sbagliata la sanzione all'insegnante di Palermo. Favorire confronto e discussione

Ingiusta e profondamente sbagliata la sanzione inflitta all’insegnante palermitana per il filmato realizzato da alcuni suoi alunni in occasione del giorno della memoria. Una decisione del tutto inopportuna che chiediamo sia immediatamente ritirata.

Non è certo con il ricorso a misure di tipo censorio che si può aiutare a vedere anche i limiti e i rischi di superficialità di approcci e analisi che, se ritenuti discutibili, andrebbero appunto discussi e non fatti oggetto di provvedimento disciplinare.

Guai se passa anche solo l’idea che sia illegittimo esprimere preoccupazione per scelte politiche e provvedimenti di legge, oggetto ogni giorno di un serrato confronto di opinioni in cui non mancano certo manifestazioni, spesso anche molto autorevoli, di inquietudine per atteggiamenti riscontrabili in ambito interno e internazionale su temi che richiamano principi fondamentali di convivenza fra i popoli e le persone.

Compito della scuola non è certo quello di troncare e sopire le manifestazioni di pensiero degli alunni, casomai di aiutarli a esprimere in modo quanto più possibile corretto giudizi e opinioni, evitando approssimazioni, schematismi e banalizzazioni che sono oggi purtroppo pane quotidiano proprio nel dibattito politico.

Un dibattito che proprio per questo finisce per essere diseducativo, come lo è la pretesa di risolvere una situazione come questa infliggendo punizioni che di fatto intimano il silenzio, quando al contrario sarebbe indispensabile stimolare al massimo il confronto aperto e la discussione.

Roma, 17 maggio 2019

Maddalena Gissi, segretaria generale CISL Scuola

 

 

Aggiornamento grad. GAE trennio scolastico 2019/20, 2020/21 e 2021/22. Chi può fare domanda?

il MIUR con nota prot. 19436 del 24/04/19  ha pubblicato  il Decreto  n. 374 del 24 aprile 2019 relativo all'" Aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento del personale docente ed educativo e delle graduatorie di istituto di I fascia del personale docente ed educativo, valevoli per il triennio scolastico 2019/2020, 2020/2021 e 2021/2022".

POSSONO FARE DOMANDA I DOCENTI :

  • già inseriti in GAE e che chiedono l'aggiornamento del punteggio ovvero il cambio di Provincia
  • già inseriti in GAE e che devono confermare la propria posizione pena la cancellazione dalla graduatoria
  • depennati per  non aver prodotto domanda di aggiornamento nelle precedenti scadenze e che hanno titolo ad essere reinseriti visto l'andamento sempre favorevole dei ricorsi presentati
  • inseriti con riserva in attesa del conseguimento del titolo
  • inseriti con riserva per effetto di un contenzioso
  • aspiranti che intendono dichiarare il titolo di specializzazione sul sostegno

NON POSSONO PRESENTARE DOMANDA DI AGGIORNAMENTO:

  • I docenti in possesso di diploma magistrale destinatari di sentenze di merito sfavorevoli che hanno comportato il depennamento dalle GAE.

eccovi le faq del MIUR  2019

ECCOVI LE faq ANNO 2014

TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDEdal 26 aprile 2019 al 20 maggio 2019 (entro le ore 14,00) tramite la funzione istanze on line.


TERMINI DI PRESENTAZIONE DEL MODELLO B SCELTA DELLE SEDI: dal 15 luglio al 29 luglio 2019 (ore 14,00).

In allegato,  una scheda illustrativa del Decreto predisposta dall'Ufficio Sindacale.

 

Sciopero 17 maggio sospeso. Gissi: un’intesa all’insegna dell’assoluta autonomia del sindacato

Le polemiche politiche sono lenti deformanti quando diventano la chiave di lettura delle vicende sindacali.

Lo sciopero non era e non è mai un atto di ostilità politica verso la maggioranza di governo, così come l’intesa di oggi non sancisce alcuna alleanza. Semplicemente, è frutto di un protagonismo sindacale giocato all’insegna della più assoluta autonomia”. Così Maddalena Gissi, segretaria generale della Federazione CISL Scuola, Università e Ricerca, che si toglie qualche sassolino dalle scarpe dopo la firma dell’intesa a Palazzo Chigi. “Chi filtra tutto in chiave politica non coglie un aspetto fondamentale di questa vicenda, nella quale l’iniziativa condotta unitariamente ha consentito di recuperare spazi importanti in cui riacquistano valore le relazioni sindacali, riportando al centro dell’attenzione e del confronto il merito dei problemi e non le logiche di schieramento. La decisione di sospendere le sciopero (e non di revocarlo) significa che si apre una fase di confronto puntuale e approfondito nella quale abbiamo un punto di riferimento preciso su cui rivendicare scelte coerenti e conseguenti, verificando in base a queste il rispetto degli impegni sottoscritti. Vale per le risorse da destinare al rinnovo contrattuale, vale per gli strumenti con cui favorire la stabilizzazione del lavoro precario, vale per le garanzie di unitarietà del sistema d’istruzione su cui l’intesa fissa principi inequivocabili”.
Noi siamo abituati a svolgere così il nostro ruolo - conclude la segretaria generale CISL Scuola -, non viviamo di fiammate estemporanee e per lo più inconcludenti. Soprattutto non ci lasciamo condizionare da pregiudizi di natura politica: non l’abbiamo fatto il 30 novembre 2016, quando firmammo un accordo sul pubblico impiego che molti consideravano uno spot preelettorale e invece aprì la strada al rinnovo dei contratti; e non ci hanno frenato le polemiche, anche di qualche forza oggi in maggioranza, che additavano come vergognosa la firma del nuovo CCNL. Il nostro sindacato non vive in una perenne campagna elettorale; puntiamo a ottenere risultati e lo facciamo con la costanza e l’assiduità del nostro impegno quotidiano. È così che abbiamo affrontato e risolto ai tavoli contrattuali tante criticità indotte da riforme sbagliate, è così che intendiamo confrontarci anche con questo Governo. Con grande determinazione, chiarezza di obiettivi e totale autonomia”.

Roma, 24 aprile 2019

 

Pensionamenti a.s. 2019/20 provincia di Caltanissetta

L'Ufficio scolastico provinciale di Caltanissetta rende noto l'elenco dei pensionamenti  a.s. 2019/20 provincia di Caltanissetta